Come sempre il tempo scorre più veloce del

Come sempre il tempo scorre più veloce del previsto, e l’impegno che avevo preso con me stesso di ripetere il cammino di Santiago al compimento dei settant’anni è giunto a scadenza e domani riparto, ancora assieme alla stessa amica della prima volta…l’amicizia non si è arrugginita. La preparazione è stata un po’ travagliata da problemi di salute piccoli e grandi ma la fiducia non è venuta a mancare quindi da giovedì 9 maggio, terminato l’avvicinamento, ricominceremo a camminare… e nient’altro sarà importante.Image

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

 

 

Trentasettesimo giorno  Santiago

Trentottesimo giorno      Santiago

Trentanovesimo giorno  ritorno…?

 

Si, siamo arrivati, la cattedrale è stata guardata, fotografata ammirata ma ci sentiamo vuoti, senza scopo, facciamo i turisti alla ricerca di souvenir senza sentirci tali, le spalle sono libere dagli zaini ma la sensazione non è di sollievo ma di disagio. Gravitiamo attorno alla piazza per vivere gli ultimi brandelli del cammino nella vista dei pellegrini che continuano ad animare la piazza. La festa è grande quando ritroviamo qualcuno di quelli che hanno in qualche modo caratterizzato il nostro camminare e stranamente l’incontro usuale diventa una emozione forte che stringe la gola, non vengono parole ma la necessità di un abbraccio quasi soffocante.

 Ritroviamo Gus l’allampanato olandese che non contento di essere partito da Lourdes è arrivato fino a Finisterre sperimentando in quell’ultimo breve tratto qualcuno dei momenti più veri del suo cammino, divideremo con lui queste ore a Santiago; alla messa solenne di domenica a mezzogiorno tra i numerosi officianti anche Lorenzo testimone di una fede solare e spontanea, poi Delia austriaca insegnante di Yoga, la particolare coppia madre e figlio australiani, e Mun la piccola coreana di Villadangos del Paramo. Altri che avremmo voluto incontrare sono persi, qualcuno è riapparso facendosi vivo via mail dopo il rientro.

Riempiamo i due giorni che ci separano dal volo di ritorno senza neppure saper bene come, una camminata per veder la strada per la stazione degli autobus per l’aeroporto, abbiamo cancellato l’idea di utilizzare un taxi, non sarà una mezz’ora di cammino con gli zaini in spalla (finalmente!) a farci paura, qualche souvenir per gli amici, un paio di pasti in un ristorantino defilato che ha la caratteristica di usare come registratore di cassa il marmo del bancone… uno straccio umido cancella il conto al momento del saldo.

Mi ci è voluto praticamente un anno per raccontarvi questa esperienza e non so quanti hanno avuto la pazienza di seguirmi fino alla fine, non ho cercato di rendere quello che può essere un’esperienza del genere anche perché ognuno la vive a modo suo. Stranamente il tempo non è riuscito a far impallidire i ricordi e le sensazioni del cammino, resta qualcosa di non ben definibile che senza dubbio lascia un segno profondo indipendentemente dai valori spirituali o di fede che si vogliono ricercare, anche non volendo il vivere tanti giorni in una dimensione inusuale, quotidianamente all’ascolto del proprio corpo e pienamente padroni del  ritmo da dare al proprio andare spalanca diverse prospettive, che non si richiudono anche una volta tornati… Buen Camino.

Pubblicato in Senza categoria | 12 commenti

 

 

Trentaseiesimo giorno  Arca o Pino – Santiago 20 Km

 

Com’era prevedibile il fermento è grande e già alle cinque comincia l’agitazione collegiale, alle sei siamo in strada, una  pesante foschia avvolge tutto e in alto occhieggia una luna quasi piena. Trovato anche un bar mattiniero per la colazione ci immergiamo ancora nei boschi di eucalipti.

La comparsa del sole e una serie di saliscendi ci regala dei magnifici colpi d’occhio su panorami resi fiabeschi dalle ultime foschie ancorate nel fondovalle, o riempie di luminosi brillanti gli steli d’erba che sfiorano le nostre scarpe.

Costeggiamo l’aeroporto di Santiago, primo riaggancio alla dimenticata vita “normale”. Una sosta a Lavacolla dove tradizionalmente gli antichi pellegrini sostavano per ripulirsi dopo gli innumerevoli disagi del viaggio e presentarsi in cattedrale in condizioni un po’ meno disastrose… noi ci limitiamo ad una birra e ripigliamo il cammino alla caccia del monte do Gozo da cui si dovrebbe poter ammirare in distanza la cattedrale. Ma la strada, asfaltata, continua ad arrampicarsi sotto il sole e di curva in curva il caldo si fa più pesante. L’ambiente non è molto stimolante grandi capannoni degli studi televisivi spagnoli, officine, campeggi e sole sulla testa. Finalmente compare un discutibile monumento a ricordo della visita di papa Giovanni Paolo II, parte in inox e parte in ferro rugginoso, è il monte do Gozo, un piccolo chiosco per bibite è stracolmo e torniamo sui nostri passi fino ad un fresco anonimo baretto. Mentre gustiamo l’ennesima birra della giornata davanti a noi un giardiniere dilettante sta scolpendo la siepe davanti a casa ricavandone figure di personaggi forse storici si capiscono ampi collari seicenteschi e copricapo elaborati, il resto è affidato alla fantasia ma l’artista pareva molto soddisfatto. Ritorniamo sulla cima ma la ricerca della cattedrale è vana, un mare di edifici, ponti, raccordi autostradali, impossibile individuare la città vecchia e le sue torri. Ripidi giù per la discesa, scontata foto col cartello stradale “SANTIAGO” sullo sfondo, poi affrontiamo la periferia della città, il traffico fastidioso, l’ovvia scarsità delle indispensabili frecce gialle che ci hanno guidato tanti giorni. Finalmente la città vecchia, i pedoni ritornano padroni delle stradine, la cattedrale non si presenta come un corpo unico isolato dalla città, si affaccia su diverse piazze e ognuna di esse presenta scorci diversi. Lo sguardo si perde su un imprevedibile ammasso architettonico di pietre secolari colorate dai muschi e con un illogica congerie di punte, pinnacoli, vuoti statue. Ogni piazza presenta un diverso aspetto della cattedrale, fino alla celebre facciata, ricca e imponente, con il colore e la severità di una parete di roccia… le cime di Lavaredo, altrettanto segnata dal tempo.

Commozione profonda che però dura poco. L’ambiente si preoccupa subito di smontare qualsiasi sentimentalismo, nel giro di pochi minuti veniamo avvicinati da tre persone che offrono sistemazioni per la notte, non certo a prezzi da pellegrino. Nella piazza le solite statue umane immobili in panni angelici e in quelli di S. Giacomo, un barbuto in saio e bastone da pellegrino si offre per foto con i turisti, non è certo per questo che abbiamo camminato tanti giorni.

Una mezz’ora di coda per ottenere la  “Compostela” documento redatto in latino attestante che “Dominum Ioannem Carolum hoc sanctissimum templum  pietatis causa devote visitasse”

Raggiungiamo  poi il Seminario Menor dove pernotteremo per tre giorni in attesa del volo di ritorno, ci sistemiamo e io lotto per quasi un’ora per sradicare, come promesso a Giannina, la barba che mi accompagna ormai da 35 giorni. Siamo inquieti, ci sentiamo attratti dalla cattedrale e solo gironzolando nei suoi dintorni troviamo pace. Una messa con una durissima omelia che ci colpisce: il sacerdote accusa il governo spagnolo e la comunità europea di essere anticristiani ed anticattolici…perplessi.

Pubblicato in Senza categoria | 3 commenti

Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

 

Trentaquattresimo giorno  Melide – Arzùa   12 Km

 

Tappa vergognosamente breve, cielo nuvoloso e al solito percorso ondulato, incontriamo i primi boschi si eucalipto che ci accompagneranno praticamente fino a Santiago. E’ strana la sensazione che creano questi alberi col fusto alto e dritto, particolare la differenza del fogliame tra le forme giovani con foglie di un verde brillante con quelli sviluppati, con la corteccia che cade a brandelli e foglie argentate. Il profumo è penetrante ma resta una sensazione di spaesamento per un ambiente che sembra venire da lontano.

Pur prendendola calma arriviamo alle undici e mezza, inganniamo l’attesa consumando un po’ delle provviste che abbiamo negli zaini e qualche frutto acquistato da Giannina. Durante l’attesa osserviamo con sufficienza i pellegrini dell’ultima ora che spingono il muro dell’albergue per fare stretching e stendere i polpacci doloranti, sono spesso gruppi  organizzati, più attenti agli equilibri interni e di conseguenza più chiusi nei confronti degli altri pellegrini, sottile forma di snobismo? Non so che dire di fatto c’è poca affinità con loro.

                                                    Ci sistemiamo, l’albergue è piccolo ma ben organizzato,un vecchio edificio ben ristrutturato e accogliente. La cittadina è piccola ma troviamo ben viva la piazza piena di giochi di bimbi, ceniamo accompagnati dalle loro voci e godiamo fino all’ultimo il sole che ormai tramonta dopo le nove. Mancano 38 chilometri.

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

 

Trentatreesimo giorno  Palas de Rei – Melide   16 Km

 

Che dire, si vive una sensazione di vuoto, non si avverte più davanti a noi un compito da adempiere, mancano poco più di sessanta chilometri a Santiago. Tre giorni prendendola comoda ma abbiamo il volo di ritorno prenotato per martedì e oggi è solo mercoledì, un po’ di margine che ci eravamo presi per far fronte ad eventuali imprevisti che per fortuna non ci sono stati, troppo poco per puntare a Finisterre (e sinceramente anche poca motivazione). Così riduciamo la lunghezza delle tappe per consumare un giorno di più in cammino. Prima colazione a Palas de Rei, nel bar Giannina affascinata da una piattiera ornata da pizzi fatti al tombolo, anche lei lo ha fatto e riesce a valutare la quantità di lavoro che ha richiesto, così trasmette la sua ammirazione alla moglie del barista.  Si cammina nel solito paesaggio vario e ondulato in zone ricche di acqua che si supera sfruttando grossi massi posati a fianco del percorso. L’occhio cade sui minuscoli zaini dei pellegrini degli ultimi cento chilometri, pallidi e rumorosi, rispondiamo controvoglia al

classico “Hola” o “Buen camino” di saluto carichi dei nostri zaini e dell’esperienza di tanti chilometri. E’ una frattura che pesa e rende meno intensi gli ultimi giorni.


Piccoli gioielli: un minuscolo ponte romanico, una cappelletta con un crocifisso inusuale.           

All’arrivo l’attesa ormai abituale, dopo le tappe brevi, dell’apertura dell’albergue, ma la serata si chiude con un classico imperdibile: finalmente un “polpo alla gallega” nella pulperia Ezequiel la migliore del cammino dicono le guide. Il posto  è molto grande e non sembra a misura di turisti o pellegrini, piatto unico il polpo di una semplicità disarmante ma evidentemente la qualità complessiva degli ingredienti ne fa un piatto eccellente. Calderoni di rame per la cottura, olio sopraffino, vino servito in tazze di ceramica, pane grezzo ma saporito, ci sentiamo in completa sintonia con l’ambiente, abbiamo avuto tutto, manca solo la cattedrale.

Pubblicato in Senza categoria | 1 commento

Trentaduesimo giorno  Portomarin – Palas de Rei   24 Km

 

 

Nottata disturbata da russatori e tossitori vari, conseguenza di una camerata eccessivamente affollata e con aria pesante. Nessun bar aperto e foschia diffusa portano ad un po’ di depressione che accompagna i primi passi verso il ponte pedonale che attraversa un ramo del laghetto artificiale. Finalmente si abbandona l’asfalto e in uno dei tanti villaggi che si attraversano rimediamo anche la colazione. Continua il nostro andare in un mondo assai lontano da quello abituale, abbracciati dalla natura e misurato solo dalla lunghezza del nostro passo. Si  susseguono le salite e alla fine anche questa tappa comincia a pesare sulle gambe. Un paio di chilometri prima di Palas de Rei passiamo davanti ad un albergue nuovo ma vorremmo trovar posto in paese. Giannina è un po’ stanca, mi lascia la sua credenziale per andare avanti alla ricerca di un posto in paese. Sono solo le due ma siamo negli ultimi chilometri del cammino e arrivando nella piazzetta del paese trovo un gruppo di pellegrini, tra cui Lorenzo che stanno pensando di proseguire  avendo trovato tutto pieno. Ritorno rapidamente sui miei passi e provo ad avvisare i pellegrini che incontro che in paese è tutto occupato ma sembro trovare poco credito e tutti proseguono verso Palace de Rei, non Giannina che sbuffando ripercorre la strada, per di più in salita, che ci riporta all’albergue appena superato… e siamo anche i primi a registrarci. Struttura nuova e ben curata salvo il particolare che la grande cucina a disposizione è priva di pentole e stoviglie, quindi totalmente inutile. Ripieghiamo su un ristorante poco lontano che propone degli ottimi calamari fritti e un buon bicchiere di vino, due passi in paese che nonostante il nome fascinoso non offre molto dal punto di vista turistico, qualche provvista per domani e la giornata si può chiudere.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Trentunesimo giorno  Sarria – Portomarin   21 Km

 

Sarria ci concede una ricca colazione appena svegli, ma il cielo offre una pioggia insistente, al solito primi chilometri su asfalto, poi boschi di castagni monumentali e grandi querce. Il sentiero è zuppo d’acqua ma non è neppure lontano parente del “barro” vischioso delle Mesetas e si procede speditamente. Nei tratti più allagati grosse pietre aiutano a tenere i piedi all’asciutto, in una salita in cui il sentiero sposa un piccolo torrente una sorta di striscia di mezzeria a tratti fatta di parallelepipedi di granito, obbliga a passi cadenzati ma asciutti. Lunghi intervalli e qualche sprazzo di sole danno luce a spazi più ampi, piccoli pascoli, case rurali spesso ristrutturate talvolta fatiscenti.

Da dopo Sarria lungo i sentieri sono poste ogni cinquecento metri delle pietre miliari che segnalano la distanza da Santiago, un po’ assillanti per la verità, scompaiono ogni tanto quando il percorso ha subito qualche modifica recente per far capolino dopo qualche tempo, accolte con fastidio o con soddisfazione a seconda della condizione delle gambe,,, merita comunque una foto quella dei 100 chilometri.

Qualche pausa nei piccoli bar in improbabili località che esistono solo in funzione del pellegrinaggio, carezze sparse ai cani che vogliono accettarle e infine il ponte, la scalinata e l’ultima ripida salita che porta in paese. Un paese ricostruito perché una diga ha alzato il livello del fiume fino a farne un lago che ha sommerso il paese e la chiesa fortezza è stata smontata e ricostruita sulla collina, nei periodi di magra sono ancora visibili il vecchio ponte e i resti del paese. L’albergue è nuovo ma freddo e anche l’accoglienza non è delle migliori,  passo oltre la coda in attesa di registrasi per posare lo zaino e vengo travolto dagli improperi dell’hospitalera che crede voglia entrare abusivamente, e nella camerata poco rispetto per chi vuole recuperare energie con un pisolino, continuo vociare da un letto all’altro. Per fortuna la vista del lago è piacevole (sopperisce alla nostalgia del mare di Giannina) e la zuppa di verdura è degna di nota.

Pubblicato in Senza categoria | 1 commento

Trentesimo giorno  Samos – Sarria    17 Km

 

Tappa breve e il percorso non sembra corrispondere con quello tracciato sulla cartina, ma trascurando i primi chilometri che seguono la strada, si sprofonda di nuovo in saliscendi immersi nei boschi, ancora piccoli corsi d’acqua, cascine e tanto tanto verde che avvolge e ammorbidisce luce e atmosfera.


Cielo grigio e qualche spruzzo di pioggia ci accompagnano fino a Sarria. Arriviamo attorno a mezzogiorno con albergue ancora chiuso,  mangiamo qualcosa in un bar vicino e quando ci assegnano i letti vince la pigrizia, e ci facciamo un pisolino per tirare serra. La città non offre molto ed è di fatto la base di partenza per i pellegrini degli ultimi cento chilometri, anche i soliti quattro passi da turisti non offrono altro che una piazza spoglia di fronte alla chiesa e un anonimo panorama sui tetti delle anonime case della città nuova. Cena frugale con le nostre provviste nella cucina dell’albergue ( e qui compio un involontario furto infilando nello zaino un sacchetto di plastica posato sul tavolo… solo l’indomani scoprirò che conteneva una busta di pastina uno yogurt e un paio di cucchiaini non di nostra proprietà) poi a nanna, domani qualche chilometro in più.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

 

Ventinovesimo giorno  Fonfria – Samos    24  Km

 

 

Ci svegliamo nell’insolita solitudine dello stanzone dove abbiamo dormito con ancora vive le sensazioni della sera precedente, della lieta commistione di argentini, colombiani, australiani e chissà quante altre nazionalità nella completa e serena condivisione di una esperienza abbastanza unica. Colazione nell’albergue che ieri voleva rifiutarci e poi lunga discesa verso Triacastela. Sotto di noi le brume mattutine formano un tappeto di nuvole da cui spuntano le cime dei monti circostanti, qualcuno ornato da lunghe file di mulini a vento. Mentre seguiamo il sentiero serpeggiante che tocca tutta una serie di piccoli paesini, cimiteri senza tempo, piccole cappelle perse nella campagna, il sole si alza sopra l’orizzonte e cancella le ultime foschie ancora impigliate nei boschi lontani. Facciamo tappa a Triacastela per uno spuntino e qualche acquisto alimentare proseguimo poi per Samos, inizialmente su asfalto ma in una piacevole e profonda vallata e poi in mezzo a boschi di castagni, piccoli appezzamenti di prato e tanti corsi d’acqua. E’ un continuo susseguirsi di salite e discese abbastanza faticose ma l’atmosfera è veramente rilassante, lo spaccato di un mondo contadino che sembra rinascere da un lontano passato, bucato steso ad asciugare su una siepe, un lavatoio lungo un torrente, una anziana donna in nero col fazzoletto in testa forse diretta al suo orticello. Ancora castagni, monumentali,ci fermiamo dinnanzi ad uno col tronco particolarmente contorto e sofferto, ma vivo, un contadino di passaggio ci dice che un architetto che ha comprato la casa adiacente ha fatto fare un’analisi dell’imponente albero e ne è risultato che tocca i 1600 anni di età.

Scambi di affettuosità con vari cani appisolati al sole che aprono un occhio al fischio per poi offrirsi e richiedere una cospicua razione di carezze e grattamenti.  Continuano i saliscendi mentre le ore passano e Samos diviene un miraggio, fino a quando una curva e uno slargo nella vegetazione ne permettono la visione aerea. La struttura del monastero è veramente imponente, fa pensare che ai tempi della sua piena potenza doveva veramente essere il centro economico della regione. Arriviamo che l’albergue è ancora chiuso, il tempo di gustare una birra e occupiamo i nostri posti nei cameroni ricavati nelle mura ciclopiche del convento. Nel pomeriggio visita all’interno del monastero benedettino che risulta deludente, negli anni cinquanta un incendio distrusse completamente tutti gli interni e di originale rimangono solo le mura e qualche arredo, per di più gli ampi corridoi su cui si affacciavano le celle dei monaci sono state affrescate da pittori dell’epoca con effetto stridente rispetto all’architettura preesistente, quasi più simpatici gli affreschi finto medioevali che rallegrano le pareti dell’albergue. Anche qui a sera c’è il vespero cantato dai monaci ridotti a 13 più un paio di novizi coro più corposo di quello di Rabanal del Camino in più con il supporto dell’organo ma egualmente non riesce a muovere le corde dello spirito. Finale con preghiera del pellegrino e buffa benedizione da parte di un monaco curiosamente saltellante nel tentativo di raggiungere tutti i pellegrini presenti con gli schizzi dell’acqua benedetta abbondantemente sparsa all’intorno.

Pubblicato in Senza categoria | 1 commento